Antipasti/ Contorni/ Primi piatti/ Secondi piatti

Caponata siciliana

caponata siciliana

Recentemente ho realizzato che non avevo qui nel blog la ricetta della Caponata siciliana,una delle regine incotrastate dell’estate siciliana insieme alla brioche col tuppo che trovate QUI e alla granita siciliana che trovate QUI.

la ricetta mesi fa nacque per la bellissima rivista del portale SayGood,sfogliate la rivista online QUI ve ne innamorerete.

 

caponata siciliana

Questa versione è quella più conosciuta e preparata nell’isola,è la versione palermitana invece quella catanese è l’insieme di patate,peperoni e melanzane sempre con l’agrodolce di fondo e vi confesso che è la mia preferita.

E’ un piatto poliedrico,usato nei ristoranti in piccole porzioncine come antipasto,ma da sempre in sicilia è servita come secondo,contorno o addirittura come piatto unico data anche la mole di grassi e calorie 😀 ma la bontà è indiscussa e ogni tanto si può fare uno strappo alla regola no ?!


Ricetta caponata siciliana

Caponata alla Siciliana

www.zagaraecedro.it

di Ketty Valenti

 

Ingredienti

Per due persone

 

2 melanzane medie

4 coste di sedano

70 g di capperi dissalati

120 g di olive verdi

4 cucchiai di passata di pomodoro

Un pizzico di pepe

sale quanto basta

cipolla quanto basta per il soffritto

olio per friggere

 

Per l’agrodolce

50 ml di acqua

50 ml di aceto di vino bianco

2 cucchiai di zucchero

 

Preparazione

Pulite,lavate e tagliate a tocchetti le melanzane,spolverate sopra un pizzico di sale  e lasciate da parte per qualche minuto fin tanto che non avranno rilasciato la loro acqua di vegetazione che solitamente è molto amara.

Nel frattempo lavate le coste di sedano e tagliateli a pezzetti non più grandi di due centimetri,sbollentateli in tegame,scolateli e mettete da  parte sia il sedano che la loro acqua di cottura,potrebbe servire nel corso della ricetta.

Ancora a parte tagliate a metà le olive verdi unitele ai capperi,iniziate a dorare in padella un bel trito di cipolla poi tuffate il sedano,le olive e i capperi quindi lasciate insaporire.

Unite la passata di pomodoro,regolate di sale e aggiungete un pizzico di pepe,se il composto vi sembra troppo asciutto è il momento di unire un po’ dell’acqua di cottura del sedano tenuta da parte,non troppa,il sughetto  non dovrà apparire brodoso ma ben rappreso,eventualmente fate cuocere ancora a fiamma alta per qualche minuto,se è necessario regolate ancora di sale.

Preparate l’agrodolce da unire in padella:

In un bicchiere mischiate acqua e aceto nelle proporzioni indicate,unite anche lo zucchero e mescolate,versate tutto in padella con il sughetto di olive,capperi e sedano lasciate che lo zucchero si sciolga completamente e l’aceto evapori un pochino,dovrà comunque sentirsi senza essere invadente.

Togliete dal fuoco e fate raffreddare in ultimo unite le melanzane già fritte che nel frattempo avranno perso un po’ di olio,non mescolate tanto per evitare di sfaldarle troppo dovranno apparire integre.

Gustate la caponata fredda da frigorifero,sarà ancora più gustosa.


Bene amici,ancora due o tre ricettine e vi saluterò per le ferie e voi andrete in ferie ? ciò che conta comunque è stare bene ovunque e con le persone che amiamo.

caponata siciliana

You Might Also Like

3 Comments

  • Reply
    Francesco
    1 Agosto 2019 at 12:20

    Carissima Ketty,
    anche se io non mi chiamo Salvo, tanto meno il tuo nome è Adelina, tuttavia questa caponatina, anche se la tua sarà decisamente migliore di quella di Adelina, è davvero, non solo una grande e meravigliosa sorpresa di bontà, ma la ritengo anche un omaggio al grandissimo Maestro Camilleri.
    Io amo il commissario Montalbano, per la sua intelligenza, intuito e massima onestà.Lo adoro per il suo linguaggio che, pur nella sua sicilianità, rimane un esempio di una serie di parole che sono entrate nel parlare nazionale.
    Detto ciò, è un contorno o secondo o, addirittura, piatto unico, in qualsiasi modo si assaggia, si rimane sempre estasiati per il sapore ricco e profumato, gustoso e fortemente calorico. E’, in sostanza, una magica fusione di sapori diversi che, nella loro unicità , sanno stregare ogni commensale.
    Ma c’era, forse, da meravigliarsi se tutto ciò che proponi è una dolce magia??

    • Reply
      Ketty Valenti
      1 Agosto 2019 at 13:28

      Caro Francesco buon pomeriggio,concordo su quanto scrivi circa il grande maestro Camilleri,era completo in intelletto,linguaggio,sapienza e massima onestà come dici tu.
      Per il resto non mi rimane che ringraziarti ancora una volta per la bontà.
      Buona estate ^.^

  • Reply
    Simona Milani
    2 Agosto 2019 at 16:28

    Ecco, io una caponata fatta a modo, non l’ho mai assaggiata….questa immagino sarà una bomba!
    La cucina siciliana è sempre il top…
    Bacione cara e buon mese d’agosto!

  • Rispondi a Simona Milani Cancel Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.